01/01/2017 IMPRESE MINORI IN PRINCIPIO DI CASSA

Parliamo della legge di stabilità 2017 che per le imprese minori, ditte individuali e società di persone in semplificata (i cui ricavi non hanno superato €. 400.000,00 per le attività di servizi e €.700.000,00 per le altre attività), ha previsto l’introduzione del regime di cassa.
Per regime di cassa si intende che il reddito dovrà essere determinato effettuando la differenza tra i ricavi percepiti, quindi effettivamente incassati, e le spese pagate.
Le società Minori dovranno quindi tenere un ulteriore registro quello degli incassi e pagamenti.
Per evitare l’istituzione di tale registro bisognerà fare l’opzione di tenuta dei soli registri iva, in questo caso tutte le fatture registrate in questi registri, (che per legge devono essere registrate i fini iva indipendentemente dall’incasso o pagamento) si considereranno, in base ad una presunzione assoluta, incassate e pagate.
La semplificazione della tenuta dei soli registri iva, comporterà quindi di fatto, un aggravio per il contribuente che non usufruirà del vantaggio del regime di cassa andando a portare a reddito anche fatture non incassate.
Le scelta della tenuta dei soli registri iva, sarà conveniente per i contribuenti solo se le date di incasso e pagamento saranno coincidenti con le date di registrazione delle fatture ai fini iva.
Le imprese minori che non vogliano avvalersi del regime di cassa, dovranno optare per la contabilità ordinaria, con un considerevole aggravio degli adempimenti e incremento dei costi.
Il principio di cassa introdotto dalla legge di bilancio 2017, manterrà per alcuni componenti di reddito il principio di competenza, ad esempio le plusvalenze e le minusvalenze, le sopravvenienze attive e passive e gli accantonamenti, come anche gli ammortamenti e accantonamenti.
21/12/2016
Dott.ssa Daniela Girotto
Studio Girotto & Terrenzi Associati

Blog Attachment
  • cassa

Related Post

Leave us a reply